Originario bisogno

desider

Quando il buio accarezza i foschi contorni
e la notte sommerge di nebuloso silenzio
i dubbi e i timori cedono il passo agli arditi desideri
la volontà intinge la penna nel sudore degli intrepidi picchi
in quelle lacrime abbaglianti che sfilettano l’anima
fino a farla grondare di voluttuoso e dolce nettare
del quale il cuore ora si nutre.
La mente allenta le catene
si spalanca agli impetuosi flussi originari
afferrando con bramosia l’evanescente desiderio
travolgente e concreto da lasciare il segno
antico sigillo di passione e ardore
fame e sete,tormento e ambizione:
bisogni fisiologici primari e di appartenenza.
Mi avvicino a te,rovinosa e stagnante
ci imbattiamo l’una nell’altro fomentando i contrari venti
combattendo l’ignaro destino
la tempesta inquieta ma il desiderio non perisce
il frastuono ammutolisce e frusta
in bilico rimaniamo senza crollare
ambiguo e ingannevole precipizio
lenta e inesorabile agonia.
La luce avanza e dilata gli orli
slabbra i ricordi e sbecca i profili
i timori riaffiorano
rimorso e pentimento
navigano in questo mio tormento di passione e morte
compiacimento e vita.
Chiudo gli occhi quasi ad affondare
provando piacere anche nel fragore
del ricordo di questo tempo fugace ed eterno
in bilico tra il precario e l’indistruttibile
bisogno inesauribile e sconfinato
di te,di noi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...